Elementari Parentali 2018-2019 la proposta di Libera Polis

In ottemperanza del ns statuto sociale (vedi art 3 comma “G”) ed a seguito delle recenti “derive” della scuola pubblica, Libera Polis (dopo l’esperienza di Nati Liberi) si mette a disposizione per aiutare tutti quei genitori che per qualunque motivo vogliono optare per il diritto costituzionale di effettuare in proprio l’educazione dei figli senza avvalersi dell’offerta pubblica. Ricordiamo che è previsto dall’art. 30 della Costituzione Italiana: “È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli.
Fino allo scorso anno non erano nemmeno obbligatori gli esami che invece lo diventano da qu’estanno (decreto legislativo n. 62 del 13 aprile 2017, art. 23). Questa norma è stata inserita in parallelo con il recente obbligo vaccinale. Ma fondamentalmente niente si spaventoso.Va spiegato anche che i genitori che optano per l’educazione Parentale devono provvedere ad istruire i figli secondo gli OBBIETTIVI MINITERIALI (che potete leggere qui: http://www.indicazioninazionali.it/documenti_Indicazioni_nazionali/indicazioni_nazionali_infanzia_primo_ciclo.pdf) …notate bene si parla di obbiettivi e non di programmi. Quello che si insegna nelle scuole pubbliche è il progrmma personalizzato scelto da ogni singola scuola, che nelle sue espressioni più “gloriose” arriva a metterci dentro le pubblicità del mc donald o della barilla v. link (come ho scoperto comprando il libro di testo adottato in una scuola media per vedere con i miei occhi) e spiegare che mangiare al fast food fa bene sia per qualità che per proporzione dei nutrienti! vabbè qeste sono solo piccole chicche… tornando a noi, da settembre 2018 ospiteremo e daremo assistenza alle famiglie che vorranno fare home scooling trovando insieme delle sinergie per fa si che questo percorso possa essere anche un condiviso dai nostri ragazzi per il loro bisogno di frequentare i coetanei e per permettere lle famiglie di non dover fare proprio tutto da soli. Chiunque fosse interessato ad approfondire modalità e dettagli del proggetto è pregato di mettersi al più presto in contatto con noi! info@liberapolis.it
Poichè già dai primi mesi del 2018 vorremmo avere le idee chiare sulla consistenza del gruppo di bambini e famiglie da seguire in aggiunta al gruppo base già esistente.

Ns obbiettivo (non riducibile a queste 2 righe) è facilitare una crescita nell’individuo bambino/ragazzo, non coercitiva basata sull’educazione esperienziale ed incidentale, sulla motivazione e sugli interessi personali favorendo un rapporto armonicoo e cooperativo con la natura ed il contesto sociale in primis tra i genitori che devono essere i primi a dare il buon esempio. Convinti che chi trova se stesso e la propria strada potra essere domani un adulto felice ed una persona che fara bene il proprio lavoro portando bellezza e benessere nel mondo. Per arrivare a cio serve un grande impegno, di ogni indivduo, della famiglia e la comunità educante circostante.

Visto il passaggio alle elementari, il proggetto nati liberi potra accogliere il prossimo anno altri 4-5 bambini ma le adesioni dovranno avvenire gia a partire da questo prossimo gennaio.

Tutto lo staff e le famiglie già aderenti sono a disposizione per meglio approfondire di persona.

Un caro saluto

Simone Itri

 

IMMENSE ISOLE DI PLASTICA NEGLI OCEANI. DA LI ARRIVA IN TAVOLA.

Isola dei Rifiuti

https://web.whatsapp.com/4e7a2fc3-2bfb-4de7-a677-474dc23a96b2

IL SETTIMO CONTINENTE

È FATTO DI RIFIUTI

Bertrand Rassel diceva: “quando capita a te ti accorgi che è vero”.

Nessuno di noi può dormire sonni tranquilli o pensare che da un’altra parte succede quello che a noi civiltà opulenta non potrà mai accadere.
Charles Moore, nell’Oceano Pacifico, scopre nel 1997 quello che passerà alla storia come il Great Pacific Garbage patch o il Garbage Vortex, o Pacific Trash Vortex, un gigantesco ammasso di plastica galleggiante.
Ora le “isole di plastica” sono diventate tre, due nell’Oceano Pacifico ed una nell’Oceano Atlantico. Le proporzioni di questi ammassi in mare (vere e proprie “Isole di Plastica”) sono da epopea infernale.
Parliamo con i dati alla mano per renderci conto del problema, le “isole di plastica” del Pacifico per ognuna raggiungono il peso di circa 100 milioni di tonnellate di rifiuti per un diametro di oltre 2500 chilometri e una profondità di almeno 30 metri.
È una macchia continuamente nutrita da Giappone, Cina, Messico, Stati Uniti e da tutte le navi di passaggio. È stato stimato che la gran parte di questi residui di plastica, circa l’80%, viene appunto dagli scarichi terrestri, da tutti i tipi di plastica di consumo non smaltiti in modo proprio. Il resto, la minoranza, è da attribuire alle navi ed alle imbarcazioni da diporto e da pesca. Gli scarichi terrestri includono poi i cascami dell’industria della plastica.
Il Pacific Trash Vortex viene generato dal moto circolare delle correnti oceaniche che radunano queste enormi masse che persistono nel Pacifico formando così questa spaventosa discarica in mare.
Per quanto riguarda “l’isola di plastica” nell’Oceano Atlantico le dimensioni sono all’incirca le stesse, questa la produciamo noi, Europa e Paesi occidentali per intenderci.
Il danno ambientale è ingentissimo, le onde sminuzzano resti di bottiglie, buste di plastica, suole di scarpe, spazzolini da denti, siringhe e altri oggetti, molti di questi pezzi di plastica poi entrano in simbiosi con la flora e la fauna marina, e attraverso piccoli organismi una parte va a fondo. In questo ammasso la concentrazione di parti di plastica è di dieci a uno rispetto al plancton di cui si cibano oltre alle balene anche altre specie. E poiché questi non distinguono alla vista la diversità, finiscono con il cibarsene. La stima scientifica avviene in laboratorio da esperti scienziati che parlano di questa poltiglia chiamandola mimic food. Nel laboratorio della Fondazione Algalita vengono analizzati questi campioni di acqua mista a questa poltiglia di plastica in essa dispersa e i ricercatori con appositi strumenti separano la plastica dal plancton e dagli altri organismi con essa entrati in simbiosi ed è così che si può fare il rapporto con il plancton. In dieci anni questa è risultata in aumento rispetto al plancton del 60%. Residui di plastica si trovano nello stomaco dei pesci che ne provocano la morte. Le minuscole particelle, invece, possono incistarsi nella carne del pesce finendo così nella catena alimentare umana. Il disastro in atto è inarrestabile, l’intera catena alimentare è compromessa. Gli uccelli acquatici, tipo gli albatros, sono particolarmente attratti dai tappi di plastica delle bottiglie e spesso dopo averli inghiottiti vanno a morire a terra lasciando come unica traccia della loro esistenza il contenuto del loro stomaco, tappi di bottiglia ed altri pezzi di plastica. Il fotografo Chris Jordan ha documentato i pasti a base di zuppa plancton-plastica della fauna della zona, nel suo ultimo lavoro Midway, Message from the Gyre si può vedere realmente quello che sta accadendo.
Secondo l’Unep, il Programma Ambientale delle Nazioni Unite, ci sono 46mila pezzi di plastica galleggianti in ogni miglio quadrato di oceano. Questo perché ora la maggior parte dei rifiuti non è biodegradabile e il suo ostinato rifiuto a decomporsi è incrementato dalla pseudo cultura dell’ “usa e getta”.
Prima che ognuno di noi prenda coscienza di questo passeranno diversi anni e il pianeta non ha tutto questo tempo, occorre fare in fretta, tutti noi siamo partecipi del cambiamento, ognuno con la propria coscienza deve contrastare questo sistema di cose che ci appare irreversibile, imponendoci la cultura del riuso degli oggetti, imporre la differenziazione dei rifiuti ai propri Comuni, pretendere che la raccolta differenziata sia vera ed efficace, utilizzare il nostro buon senso affinché non ci sia più nessuno che possa abbassare lo sguardo di fronte allo stillicidio sulla natura.
Un Mondo migliore lo si deve pretendere e non lasciare più il nostro futuro al caso incontrollato di uno sviluppo contro l’uomo, disumanizzante, in cui la convulsa e frenetica produzione impone il suo feticcio malforme che è l’usa e getta.
Massimiliano Lucci

Le isole di rifiuti visti dal satellite

circolo dei rifiuti in mare

la prima isola dei rifiuti scoperta da Charles Moore nel 1997

isola dei rifiuti

giovane asiatico mentre raccoglie plastica dal mare

i vortici dei rifiuti in mare

movimenti dei rifiuti in mare

buste di plastica in mare

uccelo morto con la plastica nello stomaco. foto di Chris Jordan

uccelo morto con la plastica nello stomaco. foto di Chris Jordan

uccelo morto con la plastica nello stomaco e paesaggio. foto di Chris Jordan